Cercate un’idea per trascorrere un weekend di totale relax a meno di un’ora di macchina da Milano? La Tenuta de l’Annunziata, a Uggiate Trevano, appena sopra Como e vicino al confine svizzero, è il posto adatto per un weekend all’insegna di spa, cibo e relax. Noi l’abbiamo scelta per trascorrere l’ultimo weekend di febbraio, approfittando anche della sua posizione strategica per raggiungere Lugano. Di seguito, trovate tutte le nostre impressioni.

La Tenuta de l’Annunziata

Ristorante Quercus Tenuta de l'Annunziata

La Tenuta de l’Annunziata è un elegante relais-agriturismo immerso nella natura dove il tempo scorre lentamente e l’atmosfera raffinata e accogliente favorisce il relax. Ovvero, esattamente ciò che ci vuole dopo una dura settimana di lavoro.

Noi siamo arrivati nel primo pomeriggio di sabato, per trascorrere il resto della giornata alla spa di questa prestigiosa location. Qui il relax è assicurato ed è ciò che serve per rigenerarsi lontano dal caos della città.

La spa della Tenuta de l’Annunziata

La spa, situata al piano terra, è sicuramente il pezzo forte della tenuta. Il prezzo del pernottamento è comprensivo di 4 ore di accesso libero alla spa che sono più che sufficienti per trascorrere un pomeriggio di relax totale in questo posto magico.

La spa è dotata di una piscina con vari getti d’acqua e idromassaggi, una jacuzzi, un percorso kneipp, varie docce, una sauna finlandese, un bagno turco, un hammam e una sauna 45 gradi. Per chi fosse interessato, pagando un sovrapprezzo, è possibile fare anche massaggi e altri trattamenti.

I lettini e l’area relax rendono l’atmosfera ancora più rilassante, mentre tè, tisane e succhi sono sempre disponibili, insieme a un po’ di frutta, per rifocillarsi dopo una sauna o un bagno turco.

La camera della Tenuta de l’Annunziata

Camera Tenuta de l'Annunziata

Abbiamo scelto una camera standard, essenziale ma molto elegante, ampia, accogliente e dotata di tutti i comfort, compreso un terrazzo con tavolino e sedie. Peccato non averlo potuto sfruttare per via della stagione.

Il ristorante Quercus

Quercus è il nome del ristorante all’interno della tenuta. Le materie prime utilizzate sono tutte locali e a km 0, atte a risaltare i sapori del territorio, nel pieno rispetto della stagionalità. La particolarità risiede nel fatto che non c’è un menù da cui scegliere i piatti ma questi vengono decisi dallo chef, sulla base delle preferenze e delle allergie/intolleranze dei clienti.

L’unica scelta da compiere consiste nel percorso di degustazione preferito. A tal proposito, il ristorante propone tre opzioni: Scoiattolo (4 portate – 45€), Volpe (7 portate – 70€) e Tasso (8 portate – 90€). Noi abbiamo scelto la proposta base, adatta a chi si avvicina per la prima volta alla cucina del Quercus. Lo chef ha realizzato per noi piatti semplici ma gustosi: una entrée di benvenuto a base di gelées di verdure e tramezzini di paté di sarde, carne di asado con salse, risotto ai porri, pollo ruspante e purè, crème caramel con gelato al cioccolato salato e un assaggio di piccola pasticceria.

La nostra opinione sulla cena? Se la location è fantastica e il servizio impeccabile, il menù in sé è decisamente sovrastimato, anche se gli ingredienti sono assolutamente di prima scelta. Pur apprezzando lo sforzo di accontentare tutti i palati e di tener conto delle intolleranze alimentari della clientela, avremmo forse preferito qualcosa di più originale e magari più tipico (come, ad esempio, il pesce di lago, caratteristico di queste zone). Complessivamente una bella esperienza, da provare, ma non la ripeteremmo.

La colazione alla Tenuta de l’Annunziata

La colazione è stata meglio della cena, da un certo punto di vista. Dopo l’atmosfera superchic, a cui eravamo ormai abituati essendo il fil rouge della tenuta, ciò che ci ha sorpresi di più è stato trovare sul nostro tavolo una selezione senza glutine home made, appositamente preparata per me, essendo io celiaca. Anche il buffet è notevole e degno di nota, dal dolce al salato.

Tirando le somme su questo weekend trascorso alla Tenuta de l’Annunziata, cosa ci ha colpiti di più? Sicuramente il servizio impeccabile in ogni aspetto e l’attenzione costante al cliente, che hanno contribuito a rendere il soggiorno ancora più piacevole, facendoci sentire coccolati. Complessivamente un bellissimo weekend, da ripetere magari nella bella stagione in modo da godere anche del giardino esterno in cui prendere il sole.

In sintesi:

  • Prezzo: 170 euro (comprensivi di colazione e 4 ore di spa, soggiorno non cancellabile)
  • Dove cenare: Ristorante Quercus (60 euro a testa)
  • Per prenotare clicca qui

Lugano

Dalla Tenuta de l’Annunziata, la domenica mattina, dopo colazione, siamo partiti in direzione Svizzera per trascorrere la giornata a Lugano.

Questa città è l’ennesima conferma dell’idea che abbiamo ormai sviluppato sulla Svizzera: l’essenzialità, la pulizia, l’ordine e l’eleganza sono i tratti caratteristici che più apprezziamo di questo paese. Lo stesso non si può dire invece per i prezzi (decisamente alti, almeno per noi italiani).

Il pezzo forte è sicuramente il lungolago, su cui abbiamo concentrato la nostra visita, percorrendo circa 3km a piedi, dal Parco Civico fino al getto d’acqua, che ci ha ricordato molto un’altra città svizzera, ovvero Ginevra.

Essendo domenica, abbiamo faticato un po’ per trovare un posto decente dove mangiare (la maggior parte delle attività commerciali sono chiuse di domenica). Abbiamo quindi optato per il ristorante Federale anche se l’idea iniziale era La Dispensa, purtroppo chiusa.

Da tornarci sicuramente per provare questo posticino molto healthy, ma anche per vedere alcune attrazioni che ci mancano. Il giro del lago in battello e la funicolare per salire al Monte Brè e ammirare il panorama dall’alto sono sicuramente da non perdere.

In sintesi:

  • Cosa fare: Giro sul lungolago a piedi, giro in battello, Monte Brè in funicolare
  • Dove pranzare: La Dispensa

Seguiteci quindi nella nostra prossima gita a Lugano e, se volete altri consigli o se avete domande e curiosità, lasciateci un commento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.